Descrizione

Sulla scorta dei temi trattati nel corso dell’attività precedente, cercheremo di comprendere quali variabili costituiscono le competenze interculturali.

Procedura – Metodologia

Le competenze interculturali sono un complesso di:

  • capacità personali (ad es., flessibilità, empatia, mentalità aperta, consapevolezza di sé, capacità di adattarsi, competenze linguistiche e conoscenze ecc.);
  • variabili contestuali rilevanti (quali obiettivi condivisi, incentive, senso di uguaglianza, capacità di azione percepita, ecc.)

Alcune variabili contribuiscono in maniera significative alla costituzione della competenza interculturale. Fra queste ricordiamo:

  • mindfulness;
  • consapevolezza;
  • capacità di ascolto;
  • atteggiamento positive nei confronti delle altre culture;

Inoltre, la flessibilità, la capacità di tollerare le ambiguità, di elaborare ragionamenti complessi, nonché la padronanza delle lingue straniere sono fondamentali.

Una competenza interculturale fondamentale è la capacità di discutere di temi delicati (calori, convinzioni, atteggiamenti di gruppi culturalmente eterogenei) senza dare vita a conflitti.

Attività

Immagina di essere nel bel mezzo di un incontro di negoziazione importante. L’incontro è in inglese, ma un rappresentante dell’organizzazione partner ha un forte accento e non riesci a capire bene ciò che dice.

Che cosa faresti in questa situazione? Di quale capacità fra quelle elencate qui sopra ti serviresti?

Durata

5 minuti